Songtext Libertà d'oppressione [parte 2] von Malarai

Libertà d'oppressione [parte 2]

Autore: Martina Davì [SIAE 298189]
Compositore: Riccardo Colamorea [SIAE 298244]

Kevin si è svegliato un giorno all'improvviso
Solo nella stanza nella testa sua sentiva un riso
Chiedigli che ha cosa gli è successo
Kevin piangeva spesso, non era depresso
Aveva un taglio in faccia e uno nel cuore
Non era colpa dell'amore ma di stupide persone e le loro stupide parole
Kevin pensava d'esser solo
Voleva sparire, bastava un'iniezione di fenolo
E tutti in coro che gridavano sparisci adesso
Quelle voci in testa, cade nell'abisso

Kevin ora odia sé stesso, il suo riflesso
Vuole sparire in un bicchiere stracolmo d'assenzio
Scrivi la tua storia (indelebile come l'inchiostro)
E non avere paura (il tuo ricordo vive)
Se la notte è scura (stammi vicino)
Illumina la luna (Kevin sei la luna)
Illumina la luna
Adesso Kevin non c'è più
Ma non hanno vinto loro
La sua anima è il nostro più grande tesoro
Questo mondo non l'ha saputo apprezzare
Ha preferito ammazzare l'ordine mentale della confusione
Questo è un funerale, ma non quello di Kevin
E' l'omicidio della libertà d'espressione